Arresto Cardiaco Durante il Calcetto, Giovane Salvato con il Defibrillatore

26enne si accascia, infermiera del 118 fuori servizio evita la tragedia

«Aspettate un attimo». Ha pronunciato poche parole, poi si è accasciato a terra, tra i pali della porta che avrebbe dovuto difendere. E’ rimasto immobile: il suo cuore ha smesso di battere, nessun respiro. Nel campo di calcio a cinque della frazione empolese di Ponte a Elsa è sceso il gelo. I compagni si sono stretti attorno al ragazzo, 26 anni, pratese, un lavoro al centro commerciale di via Sanzio a Empoli, mercoledì sera impegnato in un torneo di calcetto estivo. Altri sono accorsi alla Festa de L’Unità, a due passi dal campetto.

«Aiutateci, un ragazzo è svenuto. C’è un medico?». Un appello disperato al quale ha risposto Luisa Giorgi, infermiera del 118, e con lei altri volontari della Pubblica Assistenza di Montelupo Fiorentino e della Croce rossa di Ponte a Egola, lì presenti. Sono accorsi al campo e hanno riportato in vita il giovane, poi stabilizzato e trasportato in ospedale.

E’ stato ricoverato in rianimazione dove è rimasto fino al pomeriggio di ieri, quando è stato trasferito in reparto per fare luce su ciò che gli è accaduto. All’improvviso, in una serata di sport e divertimento con gli amici. Una serata che avrebbe potuto avere un esito drammatico se i soccorsi non fossero scattati tempestivi.

«Ho solo fatto il mio dovere – taglia corto l’infermiera del 118, in quel momento in ‘borghese’ – Non mi sento assolutamente un eroe. Ero a cena con i miei figli e mio marito, al termine di una giornata trascorsa al mare dopo il turno di notte. Aspettavamo che iniziasse il match di improvvisazione teatrale alla Festa de L’Unità, quando è arrivato un uomo che chiedeva aiuto». Alle grida, infermiera e volontari hanno abbandonato le sedie.

«Abbiamo avviato il massaggio cardiaco - racconta Giorgi - mentre altri recuperavano il defibrillatore negli spogliatoi. Ho sistemato le piastre e, dopo l’ok alla defibrillazione precoce da parte dell’apparecchio, ho scaricato». Il cuore del 26enne ha ripreso a battere. E’ tornato anche il respiro spontaneo.

«Tutto è andato per il verso giusto - commenta l’infermiera 38enne, empolese, dal 2012 in forza al 118 – In certi casi, i soccorsi rapidi sono la chiave. Ma lo è ancor più la presenza del defibrillatore e di qualcuno abilitato a usarlo. E’ questo il messaggio che deve passare, mi raccomando: corsi di abilitazione e dispositivi salva-vita soprattutto laddove si fa sport». Il paziente poco dopo le 22 è stato trasportato al San Giuseppe, lasciando sotto choc i presenti. Lacrime, poi diventate di gioia, alla notizia che il ragazzo aveva ripreso conoscenza.

Fonte


comments powered by Disqus

Calcola il tuo preventivo Gratuito
Ricevi un preventivo in pochi minuti, senza alcun impegno!

Anche noi odiamo lo spam e le newsletter invasive.
Per questo non ti invieremo posta indesiderata e non cederemo a terzi il tuo contatto.

Se preferisci usa il Numero Verde gratuito!
800 031 572
Lun-Ven dalle 8.30 alle 17.30

Ricevi un preventivo in pochi minuti
Nessun impegno di acquisto
Un esperto è sempre a tua disposizione