Quanto è diffuso l'arresto cardiaco?

In Italia ci sono più morti per arresto cardiaco che per alcol, droga, obesità e incidenti stradali messi insieme

In questo articolo cercheremo di capire insieme quanto è effettivamente diffuso l’arresto cardiaco in Italia, aiutandoci con i numeri e facendo un confronto con altre cause di morte diffuse nel nostro Paese.

Arresto cardiaco: i Numeri

Si stima che l’arresto cardiaco in Italia uccida 57.000 persone ogni anno. Questo numero equivale a 156 persone ogni giorno, 1 ogni 9 minuti.

1 persona muore per arresto cardiaco ogni 9 minuti

Il cuore smette improvvisamente di battere, e se nel giro di pochissimi minuti la persona non viene soccorsa con un massaggio cardiaco e con il defibrillatore, non riuscirà a sopravvivere. Ecco perché i primi 5 minuti sono decisivi a salvare una vita, come spieghiamo in questo articolo.

Il 10% dei decessi in Italia sono per arresto cardiaco

I dati ISTAT riportano l’arresto cardiaco come il responsabile del 10% dei decessi che si verificano ogni anno in Italia (circa 600.000 l’anno) e rappresenta oltre il 50% di tutti i decessi causati da patologie cardiache.

Arresto cardiaco: il Confronto

Confrontare i dati dei decessi per arresto cardiaco con i decessi per altre malattie o incidenti stradali può servire ad avere un’idea ancora più chiara della situazione.

Se il tumore è considerato da molti come la malattia del secolo, l’arresto cardiaco arriva subito dopo. Eppure sentiamo continuamente parlare di campagne contro il fumo, l’alcol, lotta ai tumori e guida sicura, ma di arresto cardiaco si parla ancora troppo poco.

Questi dati ci fanno capire quanto l’arresto cardiaco sia sottovalutato nel nostro Paese: si è reticenti ad acquistare il defibrillatore, non ci sono legislazioni che obbligano alla formazione con corsi di primo soccorso e BLSD, si dovrebbe fare formazione su come riconoscere l’arresto cardiaco e intervenire.

Cosa fare?

L'unico modo per diminuire, anche drasticamente, i decessi per arresto cardiaco è diffondere sempre di più le manovre di rianimazione cardiopolmonare. Ma il massaggio cardiaco da solo non basta: con l'utilizzo precoce del defibrillatore la sopravvivenza in caso di arresto cardiaco passa dall'attuale 2% al 50%. Questi dati ci mostrano che c'è un largo margine di miglioramento, raggiungibile sono con la formazione alla rianimazione cardiopolmonare e con la creazione di un vero sistema di cardioprotezione con il defibrillatore.


comments powered by Disqus

Calcola il tuo preventivo Gratuito
Ricevi un preventivo in pochi minuti, senza alcun impegno!

Anche noi odiamo lo spam e le newsletter invasive.
Per questo non ti invieremo posta indesiderata e non cederemo a terzi il tuo contatto.

Se preferisci usa il Numero Verde gratuito!
800 031 572
Lun-Ven dalle 8.30 alle 17.30

Ricevi un preventivo in pochi minuti
Nessun impegno di acquisto
Un esperto è sempre a tua disposizione