Quali sono le responsabilità penali quando si utilizza un defibrillatore?

Quando qualcuno ha bisogno del nostro aiuto, sono diverse le reazioni che ognuno di noi può avere. Ma come comportarsi nel caso di un arresto cardiaco? Usare il defibrillatore o aspettare i soccorsi? Quali rischi si corrono se si agisce? E se non si agisce?

Si sente sempre più spesso parlare di defibrillatori semiautomatici esterni: li vediamo alle fermate della metropolitana, nelle farmacie, nelle scuole e nelle associazioni sportive. Ma chi può usarli? Ci sono responsabilità penali se si agisce? Quali sono le conseguenze se non si agisce?

Cosa dice la legge

La legge 3 aprile 2001, n. 120, articolo unico dispone che:

“È consentito l’uso del defibrillatore semiautomatico in sede extraospedaliera anche al personale sanitario non medico, nonché al personale non sanitario che abbia ricevuto una formazione specifica nelle attività di rianimazione cardio-polmonare.”

Esaminando questa norma relativa alla regolamentazione dell’uso del defibrillatore risulta quindi che chiunque, purché formato tramite un Corso BLSD, possa utilizzare un defibrillatore in caso di arresto cardiaco.

E chi non ha frequentato il corso BLSD?

Abbiamo già visto come in caso di arresto cardiaco sia fondamentale, anzi vitale, agire il più presto possibile, poiché con il passare dei minuti aumentano i rischi di danni cerebrali permanenti e la morte della persona colpita. Ma cosa fare se in quel momento si ha un defibrillatore a disposizione ma non sia prontamente reperibile una persona abilitata e autorizzata al suo utilizzo? E che rischi corre una persona non abilitata ad utilizzare il defibrillatore automatico in una tale emergenza?

Ma allora, quali sono i rischi quando si utilizza un defibrillatore?

Nessuno! A ben vedere non esiste nessun rischio pratico nell’utilizzare il defibrillatore senza aver frequentato un corso BLSD, poiché le istruzioni di questo strumento sono talmente chiare e precise che nessuno potrebbe sbagliare. Ovviamente, si consiglia sempre di frequentarlo per imparare le tecniche di massaggio cardiaco, di messa in sicurezza della scena e di utilizzo del defibrillatore.
Come abbiamo visto, anche sotto il profilo penale l’operatore non rischia nulla, in quanto è un soccorritore occasionale che sta prestando soccorso ed assistenza ad una persona in pericolo di vita. Non si deve temere di creare danni derivati da manovre salvavita, come il massaggio cardiaco e l’uso del defibrillatore, poiché si è tutelati dalla legge.


comments powered by Disqus

Calcola il tuo preventivo Gratuito
Ricevi un preventivo in pochi minuti, senza alcun impegno!

Anche noi odiamo lo spam e le newsletter invasive.
Per questo non ti invieremo posta indesiderata e non cederemo a terzi il tuo contatto.

Se preferisci usa il Numero Verde gratuito!
800 031 572
Lun-Ven dalle 8.30 alle 17.30

Ricevi un preventivo in pochi minuti
Nessun impegno di acquisto
Un esperto è sempre a tua disposizione